Parrocchia San Nicola alla Carità

dei Pii Operai Catechisti Rurali (Missionari Ardorini)

  • Pagina Facebook

  • Categorie

  • Ardorini e San Nicola alla Carità di Napoli


    Due fondatori per una grande missione

    apostolato nel mondo rurale, "affinché quanti vivono nelle campagne, e specialmente i giovani, realizzino la santità della vita cristiana, sentano tutto il valore e la dignità del lavoro agricolo, apprezzino e godano la serena letizia della vita dei campi." (1 art. delle costituzioni)
    Sorse così nel mese di Agosto 1925, l' A.R.D.O.R. (Associ azione Religiosa degli Oratori Rurali), composta da sacerdoti e laici per l' insegnamento della Dottrina Cristiana nelle campagne.

    I Catechisti Rurali

    Per stringersi più fortemente a lui e al suo ideale apostolico, alcuni giovani iniziarono vita in comune col Decano Mauro nei resti dell' antico convento di S. Francesco di Paola in Montalto il 27 giugno 1928. L' 8 dicembre successivo si diede vita ufficialmente alla Congregazione dei Catechisti Rurali (Missionari Ardorini), che ottiene il Rescritto di lode il 26 giugno 1930 e l'erezione ad Istituto diocesano il 27 giugno 1930; in seguito ad essa si affiancò la Congregazione delle Suore Catechiste Rurali, chiamate poi Suore Catechiste Ausiliatrici dei Sofferenti

    Prova dolorosa

    L'intensa attività apostolica di don Mauro subì un arresto improvviso il 9 maggio 1934, allorché, colpito da paralisi, stette tutto il giorno tra la vita e la morte. Vinse la vita. Egli ha sempre ricordato questa data come un miracolo della Madonna della Serra e come l'inizio di una seconda vita.

    Nel 1934, proprio a causa del suo male, la Congregazione aveva dovuto chiudere la casa aperta di recente a Cosenza; ma dopo che don Mauro riprese la sua attività furono aperte nel 1939, le case di Petilia Policastro (Catanzaro), in diocesi di Santa Severina, e quella di Roma per gli studi dei seminaristi ardorini.

    I Pii Operai Catechisti Rurali

    Il 28 giugno 1943, la Congregazione dei Catechisti Rurali fu unita a quella dei Pii Operai, fondata a Napoli nei primi anni del '600, dal Venerabile Padre Carlo Carafa, della quale era rimasto un solo membro, e che aveva sostanzialmente il medesimo fine.

    La Congregazione, di Diritto Pontificio e con personalità giuridica davanti allo Stato, assume la nuova denominazione di Pii Operai Catechisti Rurali. Don Mauro continua a dirigere la Congregazione prima come Vicario ad nutum S. Sedis, poi come Superiore Generale eletto dai Capitoli Generali. Finché le forze glielo hanno permesso, non è mai mancato nelle Missioni rurali che la Congregazione tenne in varie loca­lità della Calabria. Un compagno di seminario ce lo presenta come un giovane «tranquillo e meditativo, sereno e sorridente ». E tale sarà sempre per tutta la sua vita. Ma sotto questa tranquillità spesso si nascondevano prove gigantesche e dolori indescrivibili.

    Don Mauro in Cielo

    Dopo la prima sessione del Capitolo Generale Speciale, tenutasi nell' estate del 1968, per l'aggiornamento della vita religiosa voluta dal Concilio Ecumenico Vaticano II, le condizioni di salute di don Mauro, che mai si erano ristabilite completamente dopo il 1934, peggiorarono sensibilmente tanto da ri­chiedere assistenza continua.

    Il 31 dicembre 1969, alle ore 20:12, nella Casa Madre della Congregazione, in Montalto Uffugo, Don Gaetano Mauro rendeva la sua bell'anima al Signore, circondato dai familiari e da numerosi suoi figli spirituali. I funerali si sono svolti a Montalto Uffugo, nel pomeriggio del 3 gennaio 1970, presenti diversi Vescovi, sacerdoti del clero diocesano, religiosi, parlamentari, le massime autorità civili della Provincia, un picchetto di onore dell'Esercito, rappresentanti delle Amministrazioni comunali di Rogliano, di Montalto e di altri comuni, collaboratori ardorini, i suoi figli e figlie spirituali e una gran folla venuta da diverse regioni.

    La salma è stata tumulata nella chiesa di S. Francesco di Paola, nella Casa Madre della Congregazione, in Montalto Uffugo ove, è oggetto di particolare affetto e devozione dei suoi figli e figlie spirituali e meta di devoti, grati e riconoscenti per favori ricevuti, o imploranti grazie per la sua intercessione. Ci sorride la speranza che il Signore, per le preghiere dei suoi devoti, lo glorifichi anche sulla terra, compiendo, per sua intercessione, un miracolo. E la Chiesa lo elevi, al più presto, agli onori degli altari: testimone di santità per tutti i cristiani, particolare protettore della gente dei campi.
    P. Carmine Furgiuele

    Nome ufficiale: PII OPERAI CATECHISTI RURALI -

    Nome popolare: MISSIONARI ARDORINI -

    Data di fondazione: 8 DICEMBRE 1928 -

    Fondatore: Don GAETANO MAURO (1888-1969) - Ric. Pont.: 28 GIUGNO 1943 - Motto: "CERCATE PRIMA DI TUTTO IL REGNO DI DIO E LA SUA GIUSTIZIA E TUTTO IL RESTO VI SARA' DATO IN SOVRAPPIU'. -

    Campo di apostolato: IL MONDO AGRICOLO RURALE -

    Dove si trovano: MONTALTO UFFUGO (CS) - PETILIA POLICASTRO (KR) - ROMA - NAPOLI - VILLARICCA (NA) - COSENZA - TORONTO (Canada) - GARZON (Colombia)

Archive for novembre 2016

IL PRESEPE IN SAN NICOLA ALLA CARITA’

Posted by sannicolaallacarita su 13 novembre 2016

Anche quest’anno il presepe DI  San Nicola alla Carità si mostrerà  nella sua storicità, nella sua uicità  ai numerosi visitatori che in occasione del Natale vogliono riflettere  specie  con i loro  bambini  su questo grande mistero che è la Nascita di Cristo Li accogliamo

dal 19  novembre  al 14 gennaio 2017

 Orario  : Giorni feriale: dalle 10.30 alle 13.

                                             dalle 16.30 alle 20

                   Il sabato:         dalle 10.30 alle 21.00

Giorni festivi  dalle           dalle 10,45 alle 21.30

IL PRESEPE

IN SAN NICOLA ALLA CARITÀ                                                                                                                                                                                                                                                         E’ un presepe vecchio ma proprio vecchio che si sta consumando con noi e con voi.
Ha una visione catechistica: racconta la vita di Gesù dalla nascita alla resurrezione e due scene di vita napoletana del ’700.
presepe 2016 annunciazione

E’ stato costruito circa cinquanta anni or sono dall’artigiano presepista Giuseppe Russo con pastori del suo bisnonno. Trovandosi in questa chiesa, dedicata a San Nicola alla Carità, costruita e retta dai Pii Operai che nel 1943 si sono uniti ai Catechisti Rurali, avendo entrambe le congregazioni, come finalità, soccorrere spiritualmente e socialmente la gente rurale, ha pensato di costruire un presepe, in questo ex ipogeo, rappresentando non solo la nascita ma tutta la vita di Cristo.                                                                                                                                                                                                                              Grotta 2016                                                                                    Ha usato, oltre a quei pastori ereditati, (si può ipotizzare dei primi dell’800) la sua creatività e i pochi mezzi che aveva per regalarci questo presepe.                                                                                                                                                                                                                                        presepe 2016 crocifissione                                                                          Ha costruito sul posto, per quello che gli serviva i pastori, alcuni semimoventi, gli animali, i musicanti, i motorini per movimentare la Napoli del ‘700, ortaggi, frutta, vasellame, le strutture, l’ultima cena, la crocefissione, le casette usando l’arte del riciclare. Tutto ciò che trovava, era utile e la sua fantasia è riuscita a far rivivere. Ha avuto così un altro tipo di vita il polistirolo che si usavano negli imballaggi, le coppe di gelati, (eldorado) le scatole per lucidare le scarpe (brill), le scatolette di creme per bellezza, i chiodi, il ferro filato, il cemento, il gesso, i cartoni, la tela iuta, le stoffe di paramenti liturgici vecchi, le pentole di plastica, i piccoli oggetti di ceramica (che si regalavano ai bambini) la carta rossa delle caramelle (rossana) il legno, la plastica etc.                                                                                                                                                                                                                         resurrezione                                                                                         Sono da ammirare con attenzione nei particolari, alcun i pastori, i  loro vestiti, le varie  strutture, le casette,  la grotta , la chiesetta , le  varietà di suppellettili, le colonne; tutti oggetti che bisogna  osservarli da vicino  per notare la pazienza,  la precisione,    pensando anche che in quei tempi non c’erano o non aveva il nostro  presepista tutti quei mezzi  che  ci sono  oggi. Difficilmente si trova in questo presepe qualcosa o personaggio uguale.                                                                                                                                                        Si può ammirare grazie  all’opera e all’amore dei collaboratori della parrocchia che ogni anno rivedono qualche cosa, aggiungono qualche personaggio specie antico come S. Anna con la figlia Maria Santissima e al desiderio di tanti visitatori specie bambini che con la loro visita l’hanno invecchiato e fatto diventare storico e unico in Napoli.natale nel '700

 

Posted in Il Presepe di San Nicola alla Carità | Leave a Comment »